La Mesoterapia in Italia

multiiniettore linearePrimo impegno della Società fu quello di dar vita ad una ricerca per poter definire il meccanismo di azione della mesoterapia. Nel 1978 Sergio Maggiori fornì le ipotesi di lavoro per una ricerca, al prof. Mario Pitzurra allora Direttore della Cattedra di Microbiologia dell’Università di Perugia che, con i sui collaboratori, realizzò la prima ed unica ricerca al mondo sull’argomento.

Le sperimentazioni furono effettuate su cavie con farmaci diversi, impiegati singolarmente. Ogni studio fu condotto su due gruppi di cavie trattate con la stessa dose di un solo farmaco: nelle cavie del gruppo A, il farmaco era iniettato nel derma della cute che riveste il complesso osteo-artro-muscolare del ginocchio posteriore dx, in quelle del gruppo B era iniettato intramuscolo in prossimità della stessa articolazione.

iniezione intradermaCon metodo gascromatografico si dimostrò che il farmaco, iniettato intraderma, raggiungeva rapidamente i tessuti articolari e vi permaneva, a concentrazioni significative, oltre le 24 ore. Lo stesso farmaco, somministrato intramuscolo, scompariva rapidamente dai tessuti articolari. A dimostrazione che l’azione del farmaco, iniettato intraderma, si svolge in loco prontamente e con notevole effetto terapeutico e tale risultato può essere mantenuto con successivi interventi a distanza di alcuni giorni. Con la terapia sistemica, come è noto, il farmaco, per agire al sito d’azione, deve raggiungere una ottimale concentrazione nel circolo generale e richiede, in base alla sua emivita, somministrazioni ravvicinate per mantenere la sua efficacia. 

Convenzioni per i soci

   

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Policy