FAQ

Ci sono modalità errate di trattamento?

Con il termine “Mesoterapia”, purtroppo, in molti studi medici, non solo in Italia, si praticano microiniezioni non sempre intradermiche ma sottocutanee. Infatti, se il trattamento è eseguito con più aghi (da 5 a 10) montati su supporti detti multiniettori, l’infissione è perpendicolare, per cui gli aghi superano il derma e l’iniezione avviene nel  sottocute, con più rapido smaltimento dei farmaci e minore efficacia.
Inoltre si iniettano miscele di più farmaci in cui è presente un anestetico locale. Di queste miscele non è mai stata dimostrata l’utilità, anzi, in molti casi, hanno provocato reazioni infettive nei punti di inoculazione, con formazione di escare ed esito cicatriziale.

Ci sono particolari raccomandazioni?

Dopo la seduta di intradermoterapia evitare l’applicazione, sulle aree trattate, di massaggi, pressoterapia, ultrasuoni, tecniche di depilazione, per almeno 24 ore, per non favorire una più rapida diffusione del farmaco e, perciò, una minore efficacia. Evitare l’applicazione di creme o altri presidi se non dopo aver consultato il medico che ha eseguito il trattamento.
Dopo la seduta e per alcuni giorni, non esporsi al sole e ai raggi UVA per evitare discromie (macchie) in corrispondenza delle microlesioni prodotte dall’ago. Infatti, è bene sapere che la riparazione di queste microlesioni comporta una lieve infiammazione che aumenta la sensibilità della cute alle radiazioni solari con aumento della pigmentazione.

Come si mantengono i risultati?

Il mantenimento dei risultati si ottiene con interventi distanziati di alcuni giorni, secondo un protocollo terapeutico che prevede:
- una fase di attacco: 4 sedute, una ogni settimana;
- una fase di controllo: 4 sedute distanziate di 15 giorni;
- una fase di mantenimento: sedute mensili o più distanziate.
Le sedute possono essere più ravvicinate nei casi di forte infiammazione o di intenso dolore oppure più distanziate nei casi più lievi; nelle patologie a decorso cronico è bene seguire interamente il protocollo, ovviamente sarà il medico a consigliare caso per caso.

Come viene praticata l'Intradermoterapia Distrettuale?

Il farmaco si inietta nel derma del distretto cutaneo sovrastante l’organo o parte di organo ammalato (il derma è lo strato più profondo della cute).
Le iniezioni si eseguono per mezzo di aghi sottili e molto corti (4 mm).                                     
Si utilizzano piccole quantità di farmaco ripartite in diverse microiniezioni: la somministrazione intradermica rallenta la diffusione del farmaco realizzando, con minime dosi, un’intensa azione locale che si prolunga per parecchie ore.
L’azione farmacologica può essere mantenuta con la ripetizione settimanale del trattamento.
Non si utilizzano miscele di farmaci.

Cos'è la Introdermoterapia Distrettuale?

L’intradermoterapia Distrettuale o Mesoterapia è un metodo di terapia iniettiva intradermica, localizzata che utilizza farmaci della Farmacopea Ufficiale o presidi autorizzati per l’uso intradermico.

Cosa determina l'efficacia del trattamento?

L’efficacia della terapia intradermica è legata all’azione del farmaco, perciò il presupposto essenziale è la scelta del principio attivo in base ad una precisa diagnosi.
Di norma la risposta terapeutica si manifesta rapidamente. L’intensità e la durata, come avviene per la somministrazione sistemica, dipendono dal tipo di patologia e dalla sua gravità.

Esistono controindicazioni?

Una controindicazione assoluta alla intradermoterapia è data dalla allergia verso i farmaci da utilizzare. Una diatesi allergica, testimoniata da crisi allergiche verso più allergeni e dalla facilità di insorgenza di nuove allergie, deve indurre a non sottoporsi all’intradermoterapia.
Si deve tenere presente che una reattività allergica può svilupparsi tardivamente, dopo un periodo di trattamento senza alcuna manifestazione di sensibilità.
Altra controindicazione assoluta è rappresentata dai difetti della coagulazione come emofilia e piastrinopenia, oppure da terapie in atto con anticoagulanti.
Coloro che sono in terapia con antiaggreganti piastrinici (per esempio cardioaspirina), dopo aver consultato il medico curante, possono sospenderne l’assunzione per alcuni giorni prima del trattamento.
In presenza di patologie sistemiche croniche sarà il medico a valutare l’opportunità o meno di un trattamento intradermico terapeutico o estetico.

La Mesoterapia è dolorosa?

La percezione del dolore è diversa a seconda delle regioni cutanee interessate inoltre dipende dalla soglia di sensibilità individuale. Comunque si tratta di un disagio generalmente ben sopportato.

Posso esserci effetti collaterali? Quali?

Il modesto volume di farmaco utilizzato per ogni iniezione provoca, nel derma, un minuscolo rigonfiamento (pomfo), destinato a scomparire in poche ore.  Nelle sedi di iniezione possono manifestarsi transitorie reazioni locali, di lieve entità, dovute al microtrauma prodotto dall’ago, nonché all’attività chimico-fisica e biochimica del farmaco:
- eritema (arrossamento);
- lieve sanguinamento;
- ecchimosi  o piccoli ematomi;
- rarissime complicanze infettive locali.
Tali reazioni scompaiono spontaneamente in pochi giorni senza lasciare alcun segno sulla cute.

Quali farmaci vengono utilizzati?

Si utilizza lo stesso farmaco che sarebbe stato impiegato per via sistemica per l’evento patologico per il quale è stato richiesto l’intervento medico.

Convenzioni per i soci

   

Utilizziamo i cookie per migliorare la navigazione sul nostro sito web. Continuando a navigare su questo sito web o cliccando su ACCETTO, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la Policy